best music website hosting

A cura di Camillo Amarante

 

Termina un’altra stagione sportiva, quella 2021/2022, per gli arbitri della sezione di Castellammare di Stabia guidata dal presidente Giuseppe Scarica.

 

 Una stagione che vede raccogliere grandi soddisfazioni alla sezione stabiese che, vedrà ben quattro associati promossi alla Commissione Arbitri di serie  D: l’Arbitro Nicola Valcaccia e gli assistenti Camillo Amarante, Davide Eliso e Vincenzo Ferrara che andranno ad aggiungersi ai confermati Raffaele Gallo, Antonio Liotta, Michele Coppola, Domenico Mascolo e Francesco Longobardi, tutti confermati nell’organico di serie D.

 

Per tutti loro è stato un campionato esaltante durante il quale sono riusciti a brillare mettendo in mostra il loro talento e raccogliendo i frutti del duro lavoro svolto durante tutto l’arco del campionato. Significativo il loro impiego nelle fasi più delicate dei playoff regionali.

 

La sezione stabiese vanterà anche l’anno prossimo un assistente arbitrale in serie A, Rodolfo Di Vuolo, mentre spetterà a Francesco Carrione e Giuseppe Cesarano, portare in alto i colori stabiesi nel difficile campionato di Serie C.

 

Salutano, invece, l’organico di CAN C Marco Acanfora e Michele Somma per limiti di permanenza dopo aver portato con orgoglio il nome della sezione di Castellammare in tutta Italia. Ritenuti, rispettivamente, arbitro e assistente di assoluta affidabilità hanno diretto gare di cartello durante il campionato arrivando a dirigere match cruciali anche per l’andamento dei playoff e play out di categoria.

 

Anche la Can5 ha visto primeggiare gli arbitri stabiesi con i debutti alla categoria superiore di Raffaele Buonocore, Rosario Faiella, Liberato Schettino, Bartolomeo Santarpia e Bruno Barbato.

 

Un anno impegnativo ma ricco di appuntamenti quello della sezione stabiese a settembre,  si è tenuto il primo raduno OTS presso l’Hotel dei Congressi di Castellammare di Stabia che ha visto impegnati anche gli arbitri ed osservatori impegnati nei campionati giovanili. Il corso arbitri ha visto entrare nella famiglia di fischietti stabiesi 39 neo arbitri, tutti giovanissimi, la maggior parte dei quali ha già debuttato nei campionati provinciali.

 

Un lavoro sinergico portato avanti dal consiglio sezionale con l’esperienza di Oreste Alfano, Franco Dell’Amura, Antonio Pace, Nello Sorrentino e Francesco D’apice, con il supporto degli organi tecnici regionali, Vincenzo Di Maio e Giuseppe Minichino e con l’aiuto delle istituzioni locali, in particolare il comune di Santa Maria la Carità, che ha messo a disposizione degli arbitri l’impianto sportivo comunale per gli allenamenti.

 

Da oggi, la sezione si concentra sulla programmazione della prossima stagione che vedrà il raggiungimento del traguardo dei 90 anni di attività sul territorio. Novanta anni passati a formare giovani e meno giovani, al rispetto del regole e del prossimo che ne fanno una delle associazioni più longeve del territorio stabiese.

A cura di Camillo Amarante

La Sezione di Castellammare di Stabia, nella serata di venerdì 18 febbraio, ha ospitato l’assistente internazionale Fabiano Preti, sorteggiato dall’AIA centrale ad inizio Stagione Sportiva per la Sezione stabiese, nell’ambito del programmato tour delle Sezione degli arbitri di vertice. Nella sala conferenze del locale Hotel Miramare, Fabiano ha ricevuto il caloroso benvenuto dal Presidente Giuseppe Scarica e dai tanti associati accorsi in aula.

Dopo i saluti di rito ed un video di presentazione, l’internazionale ha introdotto il concetto di ‘squadra’ come un fattore determinante per raggiungere risultati inimmaginabili. L’attenzione dei presenti in aula è stata fatta poi focalizzare sull’analisi di vari filmati riguardanti situazioni di fuorigioco, un confronto costruttivo che ha coinvolto arbitri ed assistenti e con il quale Fabiano ha voluto dimostrare che con la giusta concentrazione e preparazione si sbaglia molto di meno: “Gli errori servono a farci crescere, ci permettono di diventare più forti e a non sbagliare in futuro”.

Archiviata la parte puramente tecnica, il relatore ha dato vita alla seconda parte del suo intervento virando sull’aspetto comportamentale e motivazionale: “Cosa saremmo senza aver fatto il Corso Arbitri?”. Questa domanda ha dato l’input per una riflessione importante. Diventare arbitri è un qualcosa che porta una crescita sia sportiva ma soprattutto interiore e dal punto di vista umano. Elevato il grado di coinvolgimento ed interazione tra l’ospite ed i giovani fischietti, invitati a raccontare le loro esperienze arbitrali per un confronto a trecentosessanta gradi. Il consiglio di Fabiano è stato quello di “essere sempre se stessi quando si arbitra, siamo tutti diversi e con personalità differenti. Ognuno incide a modo suo ed ha qualcosa di speciale dentro di sé, ma sta a noi svilupparlo per riuscire a dare il massimo”.

L’ultima parte della serata è stata riservata a domande e curiosità che gli associati hanno rivolto all’internazionale, che tra le tante domanda poste si è soffermato principalmente su questa: “Come fare ad affrontare ogni gara con la stessa determinazione e concentrazione?”. “Essere costanti è fondamentale per affrontare ogni partita con la stessa carica e voglia di far bene, bisogna sviluppare una mentalità tale da poter andare in campo sempre al meglio ma senza dimenticare che alla base di tutto deve esserci il divertimento”. Ha poi concluso con un incitamento a dare sempre il massimo delle proprie potenzialità, perché per raggiungere un obiettivo bisogna dare tutto.

In chiusura, il Presidente Giuseppe Scarica è intervenuto per ringraziare Fabiano Preti della sua presenza e per la disponibilità dimostrata: “Non potevamo iniziare meglio con il ritorno in presenza, parlando di tecnica e motivazione, sono molto contento dell’incontro di questa sera e colgo l’occasione per ringraziarti e per augurare ai ragazzi di riuscire a vivere un giorno le tue stesse emozioni”.

 

fonte: www.aia-figc.it

Lunedì, 24 Gennaio 2022 11:37

IL RECLUTAMENTO SODDISFA, 40 I NUOVI ARBITRI

Scritto da

A cura di Camillo Amarante

Nella serata di martedì 18 gennaio si è svolto l’esame del Corso Arbitri 2021/’22 della Sezione di Castellammare di Stabia, che ha consentito di incrementare l’organico di ben 40 nuovi fischietti.

I lavori si sono svolti in videoconferenza coordinati dalla Commissione esaminatrice, composta dal Componente del Comitato Regionale Arbitri Campania Vincenzo Di Maio, dal Presidente Sezionale Giuseppe Scarica, dal Vicepresidente Francesco D’Apice, dagli Organi Tecnici Sezionali Francesco Dell'Amura, Antonio Pace, Aniello Sorrentino e dal Segretario Vincenzo Ferrara.

Il Corso, caratterizzato dall’alternanza di lezioni in presenza ed online, si è svolto in due mesi ed è stato tenuto dagli associati Oreste Alfano e Christian Messina, con la costante partecipazione degli arbitri nazionali stabiesi che hanno guidato i giovani aspiranti arbitri in questo percorso di formazione sul Regolamento del Giuoco del Calcio.

I candidati hanno svolto e superato prima i quiz tecnici e poi si sono sottoposti al colloquio orale, che ha sancito ufficialmente il loro ingresso nell’AIA.

Le nuove leve esordiranno a febbraio in gare del Settore Giovanile.

Grande entusiasmo nelle parole del Presidente Giuseppe Scarica: “In questo momento difficile segnato ancora dalla pandemia siamo davvero felici di aver concluso un Corso Arbitri molto numeroso, un risultato importante frutto di un grande lavoro di reclutamento che premia gli sforzi di tutti i dirigenti sezionali grazie anche alla collaborazione con gli istituti scolastici presenti sul territorio. Non vediamo l’ora di accompagnare i nuovi arbitri al loro ‘battesimo’ sul campo – ha concluso Scarica - con l’augurio che possano restare a lungo nella nostra famiglia arbitrale”.

 

Fonte: www.aia-figc.it

Back to Top